I proprietari di cani camminano per 1.600 km l’anno
Published On 1 marzo 2018 » 124 Views» By Marco Anelli »
 0 stars
Registrati to vote!

proprietari di cani percorrono a piedi circa 1.600 chilometri l’anno, approfittando quotidianamente della passeggiata con l’amico a quattro zampe. È quanto emerge da una survey condotta nel Regno Unito, per scoprire le abitudini degli appassionati di esemplari scodinzolanti. Dei risultati che confermano come, se ancora ve ne fosse bisogno, la presenza di un quadrupede possa migliorare il proprio stile di vita, rendendolo più benefico e allontanando numerosi disturbi di salute.

La survey in questione è stata commissionata da Harringtons, in collaborazione con otto diversi esperti in comportamento canino, su un campione di 2.000 proprietari di cani. Dall’analisi è emerso come gli intervistati riescano a camminare per circa 1.600 chilometri l’anno con il quadrupede, a cui si aggiungono 2.800 giochi al riporto e ben 3.120 ripetizioni del nome dell’animale. Non è però tutto poiché, nell’arco di 12 mesi, i proprietari si lanciano per ben 1.040 minuti in conversazioni con altri amanti degli animali, per parlare del loro amico a quattro zampe.

Sul fronte della camminata quotidiana, il cane viene portato a passeggio 10 volte alla settimana, per una media di 34 minuti giornalieri nei sette giorni. Sempre quotidianamente, invece, il quadrupede può approfittare di circa 17 minuti di corsa e sgambata senza guinzaglio. Proprio sul fronte del guinzaglio, però, la maggior parte dei proprietari vi ricorre sempre, spiegando come spesso l’animale venga portato in luoghi dove la corsa libera non è permessa (17%), quindi come l’esemplare non sempre si comporti adeguatamente (18%) o, ancora, per paura dei pericoli esterni (31%). Tra le ragioni che possono alterare la consueta camminata, invece, figurano il brutto tempo (47%), la stanchezza (20%) e la difficoltà di trovare luoghi cittadini sicuri (9%).

Oltre agli evidenti benefici sulla salute, gli intervistati hanno sottolineato altri vantaggi dall’accudimento sul cane: il 24%, ad esempio, spiega come il momento della passeggiata sia un’occasione anche per parlare più diffusamente con i figli, lontani dalle tante distrazioni presenti nella casa. Il 64%, invece, approfitta del momento per rafforzare il rapporto con l’animale stesso, considerato come i ritmi di vita sempre più frenetici riducano lo spazio da dedicare alle coccole e al gioco.

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *