#Savethelamb, animalisti in piazza per salvare la mattanza degli agnellini
Published On 12 aprile 2017 » 137 Views» By Marco Anelli »
 0 stars
Registrati to vote!

“E’ stato un clamoroso successo l’iniziativa dell’Associazione Animalisti Italiani Onlus – www.animalisti.it – che da questa mattina e per tutta la domenica ha invaso pacificamente le Chiese e le piazze di tante città italiane grazie alle centinaia di volontari che hanno distribuito oltre 80 mila depliant e palloncini a favore di una Pasqua cruelty free, invitando i cattolici italiani a rispettare la Vita di creature innocenti appena venute al mondo costrette a sacrificarsi a circa 22 giorni.

In ragione della triste usanza di cucinare gli agnellini, ogni anno migliaia di questi poveri animali, appena venuti al mondo, vengono sacrificati per finire sulle nostre tavole nel giorno che invece dovrebbe essere dedicato all’amore per tutti gli esseri viventi.

 

Da Roma a Milano, da Bologna a Reggio Calabria con indosso una t-shirt recante la celebre frase di Leonardo Da Vinci ”Non mangio niente che abbia un cuore”, i volontari dell’Associazione Animalisti Italiani Onlus hanno portato il loro messaggio di amore e di speranza per una Pasqua senza crudeltà; ispirandosi alla celebre frase  ‘Chi salva una vita salva il mondo. #SaveTheLamb’. 

“Ci tengo a ringraziare uno per uno le centinaia di  volontari che hanno diffuso il nostro messaggio d’amore mutuato da Papa Francesco. Chi prende fra le mani il nostro depliant vede un bambino e un agnellino e può leggere la frase ‘Sono entrambe creature di Dio… e noi dobbiamo avere rispetto di ognuno di loro’ – commenta Walter Caporale, presidente degli Animalisti Italiani Onlus – Speriamo che il sole , che oggi splende in tutta Italia, illumini le coscienze dei cattolici.

Oltre a spiegare le motivazioni per cui non andrebbe mangiato l’agnello, il volantino in questione propone diverse alternative di ricette cruelty_free e dei ristoranti di cucina vegana sottolineando la non necessità di uccidere nessun essere vivente , tantomeno un cucciolo.

 

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *