PREVENZIONE CONTRO I PARASSITI

Amici di CGTV,  si avvicina la stagione estiva non molto piacevole per i nostri animali dal punto di vista dei parassiti, infatti tra poco le zecche e pulci cominciano ad attaccare gli animali.

Pulci e Zecche

Sono insetti dell’ordine degli anafitteri e vivono succhiando il sangue di altri animali. Molto spesso sono ospiti fastidiosi del cane e del gatto. Non provocano seri disturbi e non infestano l’uomo, ma lo attaccano, mordendolo e causando un insopportabile fastidio. Queste dermatosi si chiamano pulicosi. Se le lesioni dei morsi vengono trascurate, possono dar luogo a fastidiosi effetti secondari. Evitate anche di grattare la lesione, per non causare infezioni. È soprattutto d’estate che ci si deve guardare da pulci e zecche. Questi ultimi parassiti sono pericolosi anche per l’uomo. Provocano fastidiose reazioni allergiche cutanee e possono iniettare tossine o agenti patogeni con conseguenze anche gravi.

Come tutelarsi

  1. Ispezionate le orecchie, il manto e le zampe. Pulite le zampe al cane ogni volta che rientra dalla passeggiata.
  2. Disinfettate i vostri animali con insetticidi adatti e dotateli di collari specifici.
  3. Lavorate di spazzola e pettine ogni giorno, ma non ricorrete a bagni troppo frequenti: ne bastano due o tre l’anno.
  4. Bonificate anche l’ambiente, la cuccia e la casa aerando bene ogni locale, perché le pulci temono aria e luce e amano il clima caldo umido. Ricorrete a insetticidi ambientali adatti allo scopo. Ovviamente, usate ogni precauzione, soprattutto se ci sono bambini o persone anziane.
  5. Ricordate che le pulci vivono nello sporco. Le uova e le larve si nascondono negli interstizi dei pavimenti non puliti e sui detriti organici. Per questo è consigliabile ricorrere a un aspirapolvere a vapore per un’igiene più sicura.
  6. Se si è stati attaccati dalle pulci, è necessario lavare lenzuola e asciugamani a temperatura alta (da 60 gradi in su).
  7. Per tenere puliti i materassi, ricorrete al vecchio sistema delle nonne, lasciandoli al sole.
  8. Ci sono prodotti efficaci e sicuri. Li trovate in farmacia, sotto forma di spray o spot-on. Sono prodotti rapidi e duraturi, poiché resistono ai lavaggi. Possono essere usati anche su femmine in gestazione o in allattamento e su cuccioli. Chiedete consiglio al vostro veterinario e al farmacista.
  9. Fate attenzione soprattutto alle passeggiate nei boschi e in campagna. è lì che gli animali possono essere attaccati dalle zecche. Questi parassiti possono trasmettere a cani e gatti pericolose patologie, che coinvolgono diversi organi e apparati, come la malattia di Lyme.
  10. Dopo una gita, eseguite un controllo scrupoloso sia sulla vostra persona, soprattutto sui bambini, sia sul corpo dell’animale. Se trovate una zecca sulla sua pelle, trattatelo nuovamente con un prodotto antiparassitario, perché il passaggio di agenti patogeni avviene tra le 12 e le 36 ore dal primo contatto.
  11. Per toglie le zecche dall’animale fate molta attenzione. Addormentate il parassita con etere o alcol e distaccatelo facendolo ruotare, per evitare che il rostro resti conficcato nella ferita e, infine, bruciatelo.
  12. Se siete stati morsicati da una zecca, chiedete al medico, che deciderà se sottoporvi a una adeguata terapia antibiotica. Evitate di fare di testa vostra, magari ricorrendo a rimedi casalinghi poco efficaci. Lo specialista saprà consigliarvi per il meglio.

Se non riuscite a liberare dalle pulci la vostra casa, potete avvisare l’ASL, che penserà a disinfestarla. Quando trovate un qualsiasi animale, prima di portarlo in casa, è bene che lo facciate visitare da un veterinario. Non conoscendo la sua provenienza e il suo stato di salute, eviterete di accogliere con il vostro nuovo amico anche parassiti indesiderati.

La Redazione

Simona Vitolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *