San Marino, esposizione canina: due cani avvelenati!!!

Amici di CGTV riportiamo quanto di terribile è accaduto alla fiera internazionale canina a SAN MARINO.

Due lampi neri (ossimoro voluto) hanno squarciato il sole di fine maggio. In occasione della 27esima esposizione canina (oltre 1.700 cani iscritti), nell’area espositiva di Murata (San Marino), due cani sono morti dopo essere stati avvelenati e uno è stato salvato in extremis. Nel frattempo sono state rinvenuti le esche letali che hanno ucciso i due cani: gli esperti dovranno analizzarla per capire se contiene veleno e avvallare, così, i sospetti di dolo che fin da subito erano stati avanzati. Un danno d’immagine non indifferente per il Titano: il governo ha già fatto sapere che si costituirà parte civile per i danni economici e di immagine contro il killer che da mesi terrorizza i padroni e gli amanti dei cani, obbligandoli a uscire solo per lo stretto indispensabile dato dalle necessità fisiologiche e non senza un’angoscia tremenda. I danni economici e turistici derivati dall’avvelenamento sono davvero incalcolabili, specie in questo periodo, che di fatto fa da rampa di lancio alla stagione estiva. Colpendo alla mostra internazionale canina che si stava tenendo a Murata, nell’area dell’ex tiro a volo, il killer che da alcuni mesi semina il terrore tra i residenti, decimando i quattro zampe, ha decisamente alzato il tiro. Nonostante i continui avvertimenti da parte dell’APAS (Associazione Protezione Animali della Repubblica di San Marino), che da tempo sta lottando contro questa terribile strage. Se il Cao de Agua (nella foto), un cane portoghese, grazie al pronto intervento del padrone è riuscito a salvarsi grazie ad una lavanda gastrica immediata, per un Dalmata e un Terrier purtroppo non c’è stato niente da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *