SOVIZZO, ORE 7,00 SCATTA IL BLITZ DELLE GUARDIE ZOOFILE DELL'ENPA, COMMINATE PESANTI SANZIONI E SEQUESTRATI MIGLIAIA DI ANIMALI "PRONTA CACCIA".

SOVIZZO, ORE 7,00 SCATTA IL BLITZ DELLE GUARDIE ZOOFILE DELL'ENPA, COMMINATE PESANTI SANZIONI E SEQUESTRATI MIGLIAIA DI ANIMALI "PRONTA CACCIA".

imageAmici di CGTV Venerdì 12 dicembre, giorno di silenzio venatorio i cacciatori si dedicano ad altre attività, magari connesse, come ad esempio la liberazione di animali selvatici provenienti da allevamento, i tristemente famosi “pronta caccia” per poi avere selvaggina facile da abbattere nel fine settimana.

Questa attività permessa dalle legge prevede però degli obblighi precisi dai quali non si può derogare, in pratica, gli animali appartenenti alla Fauna Selvatica che vengono immessi nel territorio devono essere dotati di anello identificativo o altro marchio che ne attesti la provenienza.

Stando ad una circostanziata segnalazione arrivata in sede ENPA di Vicenza nei giorni scorsi, questo obbligo dettato dalla lege 50/93 non veniva rispettato e gli animali venivano liberati senza nessuna “targa”.

Nel piazzale di fronte al cimitero, di Sovizzo ( Vicenza ) alle ore sette del mattino il blitz, sette agenti del Nucleo Guardie Zoofile ENPA di Vicenza, sono entrati in azione quando gli animali, Fagiani e Starne, venivano scaricati e consegnati ai cacciatori; questi, una cinquantina, con ogni mezzo li caricavano in macchina, alcuni in cassette altri in gabbie altri ancora in sacchi plasticati.

Gli agenti hanno subito verificato se gli animali fossero inanellati, la verifica su svariati esemplari ha dato esito negativo, la cessione e la liberazione di questi animali era fuorilegge.

Le Guardie hanno bloccato immediatamente lo scarico degli animali, e richiesto l’immediata restituzione degli uccelli già caricati nelle automobili dei cacciatori, i quali stando a quanto è emerso, dopo un primo momento di stupore hanno collaborato senza porre resistenze particolari, qualcuno ha anche aiutato a spiegare ai presenti cosa stava succedendo, e quale fosse la normativa violata.

A questo punto il responsabile del nucleo Guardie ENPA chiedeva l’intervento e l’appoggio della Polizia Stradale già allertata in precedenza, in quanto andavano anche verificata la documentazione relativa al trasporto.

Ai proprietari dei tre camion provenienti da Minerbe ( Verona ) carichi di oltre tremila animali, tutti sprovvisti di anello sono stati comminati oltre centoventimila Euro di sanzioni, e la posta sotto sequestro di quasi duemilacinquecento animali tra starne e fagiani.

Ora spettaerà alla P.G. verificare se questi animali siano veramente nati nelle aziende titolari dell’allevamento o provenienti ad esempio da allevamenti esteri.

Renzo Rizzi portavoce CPV ha dichiarato : Questi animali selvatici vengono allevati come polli in gabbie, alimentati a mangime e antibiotici, vengono liberati il venerdì e abbattuti il giorno successivo, questa non può certo definirsi “la nobile arte della caccia” come molti osano appellarla ancora oggi.

Negli anni ottanta tra i cacciatori vi era una certa vergogna a praticare questa mattanza insensata, oggi non solo non ci fanno più caso ma è diventata la regola, nei primi dieci giorni di caccia, la fauna autoctona viene sterminata, e immediatamente si comincia con i “pronta caccia” , tanto che quest’anno i primi lanci sono iniziati dieci giorni dopo l’inizio della caccia; tra l’altro c’è chi è convinto che ci sia un nesso tra la liberazione degli animali senza anelli e i cacciatori, sarebbero proprio questi ultimi a richiedere questa modalità, per raccontare poi a conoscenti e amici che l’animale abbattuto è un selvatico e non un povero pollo di allevamento colorato!
Fatto sta che questo business continua ad aumentare, ogni anno solo nel Vicentino sono oltre centocinquantamila gli animali che vengono abbattuti in questo modo, con una spesa complessiva che supera abbondantemente il miliardo di vecchie lire, di cui una buona fetta viene da finanziamento pubblico o comunque sotto il controllo dell’Ente Pubblico, ed è in questa direzione che chiedo fermamente vengano fatte le opportune verifiche da parte della P.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *